|   |  Quattro chiacchiere in rossonero: Antonio Vacca

Quattro chiacchiere in rossonero: Antonio Vacca

Talento da vendere, estroso, piedi molto educati, tecnica sopraffina, ma anche concretezza nelle giocate. E se c’è da affondare un takle di certo non si tira indietro. Ospite numero cinque (come il 5 della sua maglietta) di “Quattro chiacchiere in rossonero”, Antonio Junior Vacca, centrocampista del Foggia alla sua seconda stagione in rossonero.

Napoletano, di quale quartiere?
Scampia.
“Napule’è ‘na carta sporca e nisciuno se ne importa”. Lo cantava Pino Daniele. E’ così?                                                      Si. Ognuno pensa ai fatti suoi, al proprio orticello e la città va in degrado
Ci resti male quando le curve cantano: “Noi non siamo napoletani…”
No, sento il loro affetto
Il Napoli, ti sta deludendo?
Mi aspettavo qualcosa in più. Confido in Sarri uno dei più bravi. Dopo De Zerbi
Napul’è... E Foggia cos’è?
Una Napoli in miniatura. Infatti mi sono ambientato benissimo, come essere a casa.
Non avessi fatto il centrocampista saresti andato tra i pali, come col Cittadella lo scorso anno in Coppa?
No, mi diverto…
Metodista, intermedio o trequartista: dove preferisci giocare?
E’ uguale
Sei un ottimo rigorista, ma a Foggia non vai mai sul dischetto?
C’è Sarno, il rigorista è lui.
La Lega Pro va stretta a città, società e tifosi.
E palese. lo spettacolo che offrono ogni domenica, è di gran lunga superiore alla Lega Pro
Va stretta anche a te?
Sono in Lega Pro perché merito questa, quando salirò vorrà dire che la meriterò
Estroverso sempre, in campo e fuori.
Sono così. Mi piace fare cose diverse. Che mi distinguano dagli altri.
I tatuaggi. Una passione?
Ogni tatuaggio ha un significato. Vado a tuatuarmi sempre quando sono un po’ nervoso.
Quanti ne hai?
Tanti, più di 40
Il prossimo tatuaggio?
A breve appena mi fanno innervosire
Quanto credi alla serie B da 0 a 10?
Dieci
Il Foggia ha qualcosa in più delle sue avversarie?
Siamo un gruppo coeso, ci conosciamo bene. Questo è un grande vantaggio, che dobbiamo mettere a frutto
Quanto ti manca Iemmello?
Tanto, soprattutto fuori dal campo. Simpatico. Riesce a sdrammatizzare quando ci sono problemi. Ci sentiamo spesso.
Antonio Vacca a tavola.
Non seguo un’alimentazione particolare, mangio quello che mi va. Quando è necessario, però, so rinunciare a qualcosa: per esempio alla coca cola.
Carne o pesce?
Pesce
Pasta o pizza?
Pizza
Vino: bianco o rosso?
Non bevo
Birra: bionda o rossa?
Sono astemio. Non faccio neanche il brindisi a Capodanno.
Donne bionde o more?
Bionde
Cosa guardi in TV?
Film d’azione
Film preferito?
Giustizia privata
Cosa pensi di Gomorra ?
Non tutto è veritiero e risponde alla realtà.
Ultimi libri letti?
“Io Ibra” e “Pep Guardiola”
Sei social al 100%
Instagram
Il tuo sogno nel cassetto?
Giocare in serie A, soprattutto per far felici mio padre e mio nonno che mi hanno sempre sostenuto e sono i miei primi tifosi
Un messaggio ai tifosi
“Speriamo che continuino a seguirci: abbiamo bisogno di loro”

Rino Palmieri