|   |  Pareggio che va strettissimo

Pareggio che va strettissimo

Il Foggia ferma l’Hellas con un pari pirotecnico. Allo “Zaccheria”, il lunch match della 19^ giornata di Serie BKT vede i padroni di casa impattare per 2-2 con il Verona, ottenendo un risultato che sta stretto ai colori rossoneri.

Mister Pasquale Padalino schiera i suoi con un 4-4-2 elastico che si trasforma spesso in 3-4-3 con Noppert, all’esordio stagionale, tra i pali, Ranieri, Martinelli e Tonucci in difesa e Zambelli sul out destro nel doppio ruolo di esterno difensivo ed offensivo. A centrocampo Agnelli e Gerbo agiscono al centro mentre Kragl è al solito esterno a sinistra. In attacco Galano fa da pendolo tra centrocampo ed attacco con Iemmello e Mazzeo di punta.  

Gara scoppiettante fin dalle prime battute, il Foggia parte bene e ci prova con Agnelli dopo 2’, ma Silvestri para a terra. Sul ribaltamento di fronte il pallone buono arriva sui piedi di Kragl, la cui conclusione ravvicinata termina alta. Al quarto d’ora il Verona si porta in vantaggio: Lee riceve in piena area e conclude, trovando la pronta respinta di Noppert, che però non può nulla sulla ribattuta di Pazzini. I ritmi calano, con i rossoneri che pian piano vanno in crescendo. Al 30’ arriva il meritato pareggio del Foggia: traversone di Zambelli, Caracciolo non ci arriva, ma Mazzeo si fa trovare pronto sul secondo palo ed insacca alle spalle di Silvestri. Gli uomini di Mister Padalino prendono il comando delle operazioni, sfiorando immediatamente il raddoppio con Kragl su punizione. Sul finire della prima frazione l’Hellas ritrova il vantaggio: su cross di Balkovec dalla sinistra, Noppert non trattiene e Lee è il più lesto a calciare a rete.
In avvio di ripresa si rivede subito il Foggia, che al 54’ ci prova con il mancino di Iemmello dal limite, che scalda i guantoni di Silvestri. Qualche istante più tardi, proprio Iemmello trova il pari, ma il direttore di gara annulla per un contatto falloso. Minuto 60, sugli sviluppi di un corner, Tonucci viene steso in area: è rigore. Dal dischetto va Pietro Iemmello, che si vede respingere  di piede la conclusione da Silvestri. Al 64’ arriva il primo cambio per Mister Padalino: fuori l’acciaccato Mazzeo, dentro Chiaretti. Il pareggio è nell’aria ed arriva alla mezz’ora: dopo una respinta in area Kragl serve indietro l’accorrente Gerbo, che dal limite scaglia un destro potente e preciso che termina nell’angolino, facendo esplodere lo “Zaccheria”. All’80’ ancora una grande opportunità per un Foggia padrone del campo, con Galano che, approfittando di un errore della difesa ospite, si invola tutto solo ma trova la respinta di Silvestri in uscita. Nel finale entrano anche Loiacono e Carraro, che rilevano Zambelli e Galano. Nonostante i ben 6’ di recupero e l’assalto rossonero al fortino veronese, non accade altro: al triplice fischio è 2-2, con il Foggia che ottiene un pari stretto, guadagnando un punto che muove la classifica. 

TABELLINO
FOGGIA: (4-4-2) Noppert; Zambelli (dal 93’ Loiacono), Tonucci, Martinelli, Ranieri; Galano (dal 96’ Carraro), Gerbo, Agnelli, Kragl; Mazzeo (dal 64’ Chiaretti), Iemmello. A disp.: Bizzarri, Sarri, Deli, Cicerelli, Rubin, Boldor, Arena, Ramè, Gori. All.: Padalino.
HELLAS VERONA: (4-3-3) Silvestri; Almici, Dawidowicz, Caracciolo, Balkovec (dal 56’ Empereur); Henderson (dall’87’ Marrone), Gustafson, Zaccagni (dal 68’ Colombatto); Lee, Matos, Pazzini. A disp.: Berardi, Chiesa, Eguelfi, Laribi, Kumbulla, Danzi, Tupta, Bianchetti. All.: Grosso.
Arbitro: sig. Francesco Forneau di Roma.
Assistenti arbitrali: Manuel Robilotta di Sala Consilina e Mattia Scarpa di Reggio Emilia.
4^ufficiale: sig. Ivan Pezzuto di Lecce.
MARCATORI: 15’ Pazzini (V), 30’ Mazzeo (F), 44’ Lee (V), 74’ Gerbo (F). 
AMMONITI: Kragl, Agnelli, Chiaretti (F); Pazzini, Lee, Gustafson, Colombatto (V). - ANGOLI: 7-2 per il Foggia. - RECUPERI: 1’ p.t.; 6’ s.t..

Area Comunicazione Foggia Calcio