|   |  Capolavoro Foggia!

Capolavoro Foggia!

Il Foggia espugna il Barbera, conquista la terza vittoria consecutiva e si porta a +4 sulla zona playout. I rossoneri, in rimonta, dominano un Palermo che voleva far dimenticare il poker subito a Empoli, ma che sulla sua strada ha trovato un Foggia, quasi, perfetto, che in tutta la gara ha concesso solo un tiro da fuori di Gnahorè e che ha la forza di recuperare il gol di Nestorovski e portare via 3 punti strameritati. Sugli scudi un immenso Camporese, in difesa, un superlativo Kragl, che firma un altro eurogol dopo quello di Chiavari, ed un cinico Duhamel che al primo pallone toccato segna il suo primo gol in rossonero dando il la alla rimonta del Foggia.  

La cronaca.
Stroppa conferma l’undici che ha battuto l’Avellino con Guarna davanti a Tonucci, Camporese e Loiacono; Gerbo, Agnelli, Greco, Deli e Kragl a centrocampo, e Mazzeo e Nicastro in avanti. Primo tempo molto tattico con il Foggia che fa densità in tutte le zone del campo e Palermo che cerca solo il colpo del singolo. Ne esce fuori una prima frazione in cui i rosanero possono contare solo su una conclusione di Gnahorè da fuori, respinta da campione da Guarna, mentre il Foggia ci prova con Gerbo, Agnelli e Kragl, sempre da fuori, ma senza pericolosità. Nella ripresa cambia la musica. Il Foggia rientra con la convinzione di potercela fare, va in pressing sul Palermo, e per ben due volte va vicino al gol con Nicastro che non trova la porta e poi con Greco che si vede negare il gol da un fantastico Posavec. Ed è ancora Nicastro a far tremare Posavec al 63’ ma la sua conclusione, su cross di Gerbo viene murata. Sulla ripartenza il Palermo va, insperatamente, in vantaggio. Coronado va in fuga, serve Nestorovski la cui conclusione trova il braccio di Loiacono: rigore che lo stesso Nestorovski trasforma nonostante l’intuizione di Guarna. Il Foggia non ci sta e si fionda nella metà campo palermitana. Al 69’ Palermo in 10: fallaccio di Coronado su Gerbo e cartellino rosso. I rossoneri prendono coraggio e Stroppa si gioca la carta della panchina: dentro Scaglia e Duhamel fuori Greco e Nicastro. E saranno proprio i cambi ad essere decisivi: al 78´ Scaglia serve nel cuore dell’area Mazzeo che fa sponda per Duhamel che con un potente drop da fuori area brucia le mani a Posavec. 6’ dopo, il gol partita: Gerbo serve Kragl che da 30 metri fa partire un bolide che si insacca all’incrocio dei pali: Foggia in vantaggio per la gioia dei 200 rossoneri giunti a Palermo. Nel finale brivido per il Foggia: sul colpo di testa di Nestorovski la traversa salva Guarna. Il fischio finale di Abbattista, dopo 5’ di recupero, è una liberazione, ma il Foggia non ruba nulla. Finisce 2-1 per i rossoneri ed ora comincia un altro campionato.

Area Comunicazione Foggia Calcio