|   |  Addio TIM Cup

Addio TIM Cup

Il Foggia perde 3-0 a Marassi,  saluta la TIM Cup e adesso  concentra tutte le attenzioni sul campionato. I rossoneri cedono il passo ad una Samp concreta che sfrutta alla perfezione le incertezze dell’avversario che, invece, trova sulla sua strada un Puggioni in formato Super che nega in almeno due occasioni al Foggia la gioia di segnare. Così il risultato finale appare troppo severo per la formazione di Stroppa che in campo , per larghi tratti di gara, ha mostrato di non avere nessun timore reverenziale nei confronti di un avversario che punta in maniera decisa all’Europa League.
La cronaca.
Stroppa butta nella mischia  Empereur, alla prima maglia da titolare del 2017, e  Fedato, contando sulla sua voglia di far male alla sua ex squadra. Così l’undici  iniziale vede Guarna tra i pali, Gerbo, Martinelli, Empereur e Rubin, in difesa, Agazzi, Deli e Gerbo a centrocampo, Fedato, Mazzeo e Milinkovic in attacco.  Ed è proprio del serbo/francese il primo tiro della gara che, però finisce a lato. Al 18’ la Samp fa le prove del gol ma Martinelli anticipa di un soffio Quagliarella, nulla può invece Guarna, un minuto dopo  sulla conclusione ravvicinata di Barreto che lo beffa con un colpo di piatto destro. Alla mezz’ora la conclusione deviata di Deli sfiora il palo alla destra  di Puggioni, mentre sul finire del primo tempo il Foggia ci prova ancora con Deli e Mazzeo ma senza fortuna. Nella ripresa la musica non cambia:  il Foggia regge il confronto ma non passa, così Stroppa prova la carta dei cambi: fuori Fedato e Milinkovic, dentro Chiricò e Calderini. La  mossa scuote il Foggia, ma la Sampo fa valere il maggior tasso tecnico e nel giro di pochi minuti, 76’ e 80’, chiude la gara con Caprari  e Kownacky. Nel finale ancora Puggioni nega il gol a Chiricò. Finisce, così, con i rossoneri sotto il settore rossonero dove i circa 300 tifosi salutano con applausi e cori Vacca, oggi capitano, e compagni: perdere fa sempre male, ma oggi, forse, è meno  doloroso.
Area Comunicazione Foggia  Calcio